Il sole splende alto e noi siamo certi che oggi sarà meglio di ieri. Il re di Pietra si staglia nitido all'orizzonte: è talmente imponente che pare di toccarlo allungando la mano! Tutto l'arco alpino è lì, visibile nella luce rosata del mattino: uno spettacolo che ci accompagnerà per gran parte della giornata. Luca, un amico cicloviaggiatore, ci ha consigliato questa dorsale tra Murazzano e Millesimo e ci raggiungerà in giornata per accompagnarci.
salita da dogliani in biciSe il buongiorno si vede dal mattino oggi sarà uno spettacolo! La strada è meravigliosamente isolata: saliamo lenti ma imperterriti verso Belvedere Langhe... il nome non tradisce le aspettative. Dopo una colazione ritemprante, proseguiamo su falsopiano godendoci tutto lo scenario intorno e, poco prima di entrare a Murazzano, vediamo un ciclista raggiungerci: Luca, cuneese D.O.C., ci saluta da lontano. Facciamo il nostro ingresso in paese insieme per far provviste per pranzo, non potrà mancare una bottiglia di vino locale, e riprendiamo la strada che ormai si mantiene in quota in un saliscendi piacevole e super-panoramico. Molti ciclisti ci sorpassano, salutandoci e sorridendo alla vista del nostro bagaglio "generoso".pranzo con luca dorsale murialdo Una panoramica area pic-nic ci invita e noi cogliamo il richiamo. Nella zona del vino non possiamo che stappare una bottiglia da assaggiare con del buon salame e focaccia. Il pranzo deve essere un momento di convivialità e quello tra cicloviaggiatori, tra racconti di avventure, sogni e disavventure, è sempre molto divertente!Su una delle tante colline scorgiamo un uomo chinato sulla terra con il cane vicino intento a scavare. Discretamente e gentilmente lo avviciniamo e lui, con un sorriso inaspettato, inizia a raccontarci la sua giovane storia di cercatore di tartufi. Se sei fortunato, qui puoi farlo come lavoro e guadagnare anche bene, ma non è sempre così.
tartufaio con kyra
Nala distrae Kyra e noi temiamo l'ira del giovane che invece si avvicina a chiacchierare. Restiamo appesi alle sue labbra per un po', prima di ripartire verso Montezemolo. Il bar dei motociclisti è una sosta obbligata lungo la nostra traccia anche se oggi siamo gli unici infiltrati. centro storico millesimoLa discesa verso Millesimo, sulla vecchia strada, è veloce e fresca ma soprattutto segna il nostro ingresso in Liguria! Visitiamo il paese, con il castello e il ponte: è uno dei borghi più belli d'Italia. Luca ci deve salutare per rientrare verso Cuneo, ma siamo certi che ci rivedremo prestissimo, forse già nei prossimi giorni.ponte di millesimo
Noi ci addentriamo nella Val Bormida di Millesimo, verso Murialdo. Subito il tepore del sole svanisce e il gelo del fiume ci avvolge. Pedaliamo veloci, più per scaldarci che per fare chilometri. Giungiamo a Murialdo e andiamo oltre, alla ricerca di un posto "caldo" dove piantar la tenda.notte in val bormida
Mauro ci aveva avvisato anticipatamente "Non superate Murialdo..." ma visto l'orario favorevole ci eravamo illusi di poter lasciare la gelida vallata alle spalle. Un'altra chiesetta sulla mappa attira la nostra attenzione e non importa se per raggiungerla si debba salire bruscamente la collina. Il posto si rivela perfetto e asciutto e anche per questo siamo certi che ci attende un'altra nottata piacevole...

Video